Archives for novembre 2015

9 novembre 2015 - No Comments!

Idee e consigli per vincere Cannes.

Dell'Italians Festival (IF) vi ho già raccontato qualcosa.

Oggi vi riporto un po' delle idee e osservazioni che si sono scambiati Francesco Bozza (Leo Burnett), Nicola Rovetta (Golin) e Sergio Spaccavento (Conversion) moderati da Nicola Lampugnani (IF! Festival/ADCI/ TBWA) Nella gabbia dei leoni.

Si parte con quello che è già diventato un grande classico dello storytelling con lacrimuccia: Rory McIlroy e Tiger Woods per Nike. Semplicemente perfetto nei protagonisti, la storia, fotografia, montaggio, scelta della musica,... Lo riguardi e ti emozioni sempre, ecco perché vincente.


 

Successivamente ci presentano i due candidati dell'ultimo GrandPrix.


Vincitrice è stata la campagna #Likeagirl, semplicissima ma iper efficace. Budget di produzione ridottissimo, concetto chiaro e in linea con la marca.

Ma cosa ha fatto veramente la differenza con Great Names? Due dettagli. Nella case riportano i tassi di riuscita della campagna come qualcosa di inaspettato e sconvolgente mentre la categoria per la quale concorreva (la PR) dovrebbe far corrispondere previsioni e riuscita della comunicazione. La seconda motivazione va all'influenza sociale che ha avuto, Like a girl oltre ad essere una meravigliosa campagna ha lasciato un messaggio universale pur rimanendo un commercial.


Campagna che non conoscevo firmata Quicksilver, l'effetto dopo averla vista è sicuramente wow ed è il motivo per cui è riuscita ad andare avanti in diverse gare e accaparrarsi molti premi. Ma la domanda che sorge è: veramente ha funzionato? ha veramente riavvicinato il pubblico al surf e aumentato vendite e awarness del brand?


Chi non conosce questa case evidentemente la scorsa estate viveva in mezzo al deserto o in una foresta. E' un caso controverso per Cannes in quanto nata da comuni cittadini è stata adottata a presentata al festival da un'agenzia. Il maggior festival delle agenzie e dei creativi che si vedono spadronati di uno dei maggiori riconoscimenti dall'idea di singoli cittadini che hanno preso una meccanica pre-esistente, quella della nek nomination, e forse per la prima volta gli hanno affiancato una motivazione sensata creando dei risultati incredibili. Chapeau.




Ultimi tre i finalisti per il GrandPrix, vince Volvo. Supera Nivea in quanto realizza un prodotto nuovo; la tecnologia già esisteva ma non è un stata applicata ad un altro prodotto da poter acquistare, vince su Whopper perché non si fa portare di un valore che non è suo intrinseco come lo è la sicurezza per il brand svedese che, a suo merito, a distanza di anni riesce ad uscire dal raccontare la macchina sicura verso la strada sicura.

Questi i consigli che ho raccolto Nella gabbia dei Leoni. Adesso spero di trovarci tutti a Cannes nel 2016!

8 novembre 2015 - 2 comments

7 Case History per capire lo storytelling nell’advertising

Raccontare storie in nuovi contesti, questo era il tema dello speech tenutosi il 6 novembre presso l'Italians Festival (IF), una tre giorni di advertising e creatività alla quale nessuno che vuole far parte di questo mondo può mancare.

L'incontro How brands are telling great compelling stories in the new context tenuto da Patricia Weiss (BCMA South America) per OBE (Osservatorio Brand Entertainment) era appunto incentrato su come le marche si inseriscono comunicano negli ultimi anni seguendo le mutazioni sociali e le opportunità dettate dai nuovi media.

Il concetto generale era legato al fatto che le persone dimenticano prodotti e brand ma non dimenticano come questi li hanno fatti sentire. Abbiamo quindi visto alcune case, probabilmente già le conoscete ma ve le riporto qui sotto.

Buona visione!


This girl can - What about you?


Always #Likeagirl


Love has no labels


Burger King Proud Whopper


High School Girl?


Be true to your pleasure


This is wholesome